Condomini/edilizia sociale

I condomini presentano due aspetti che li distinguono nettamente dalle abitazioni singole: la generazione dell'energia è centralizzata e il "fattore tempo" è di vitale importanza in loco.

Per il professionista o lo sviluppatore, l'obiettivo è di offrire il miglior prodotto possibile adeguato agli standard del progetto edilizio, implementando allo stesso tempo soluzioni che possono essere riprodotte facilmente su larga scala, al fine di mantenere la redditività. Le prestazioni in termini di consumo energetico, aspetto e facilità d'uso del prodotto rappresentano gli aspetti importanti da considerare.

Condomini/edilizia sociale
1
2
3
4
5
6
7

Componenti dei generatori

Nei condomini, la caldaia è posizionata in uno spazio termico, a cui possono accedere solo i professionisti, a livello interrato o del tetto. Può essere composta da un singolo generatore che fornisce tutta la potenza necessaria, o da una serie di generatori che possono essere combinati a impianti a energie rinnovabili.

Impianti di riscaldamento

  • Può essere installato un gruppo composto da gruppi pompa e collettori della gamma a potenza media e alta di Meibes. La gamma è modulare ed estesa, in grado di rispondere alle necessità della maggior parte dei sistemi.
  • Se il sistema utilizza gas naturale, i collegamenti possono essere effettuati con la linea di raccordi a pressare per impianti a gas SudoPress COMAP (Ø35 or 42).

Impianti sanitari

  • Se il riscaldamento e la produzione dell'acqua calda sono centralizzati (con un dispositivo di accumulo), il il gruppo di sicurezza 899 di COMAP, realizzato in acciaio inossidabile, completa e protegge l'impianto. 

  • Anche se la produzione dell'acqua calda sanitaria avviene separatamente, utilizzando moduli Logotherm singoli della gamma di Meibes [vedere (3)], è necessario posizionare un serbatoio di carico nello spazio termico per garantire il comfort e l'igiene per gli occupanti (in particolare durante i picchi di consumo).

Reti primarie

Nei condomini, le dimensioni delle reti primarie sono direttamente collegate al metodo di produzione dell'acqua calda sanitaria. A seconda che la produzione sia centralizzata o meno, possono essere realizzate diverse soluzioni.

Impianti di riscaldamento

  • Il circuito primario (da Ø42 a 108) e le colonne montanti (da Ø32 a 76) possono essere installati con tubi e raccordi della gamma XPress, in acciaio al carbonio.
    Se si utilizza un'unità Logotherm, la potenza aggiuntiva necessaria per la rete dell'acqua potabile deve essere considerata nel dimensionamento delle colonne nella rete primaria (diametro maggiore).
  • Il collegamento con le interfacce può essere eseguito attraverso il montaggio diretto nel vano tecnico.
    Se la produzione dell'acqua calda è centralizzata, il collegamento con le interfacce (solo riscaldamento) può essere eseguito con tubi isolati prerivestiti BetaPEX (Ø 26) e raccordi a pressare PexPress.

Impianti sanitari

  • Le colonne dell'acqua fredda sanitaria possono essere realizzate con tubi MultiSkin (da Ø32 a 63) e raccordi a pressare SkinPress per tubi multistrato.
    Se la produzione dell'acqua calda è centralizzata, le colonne dell'acqua potabile fredda e calda possono essere realizzate con la stessa gamma di prodotti. I circuiti possono essere realizzati con tubi multistrato isolati o tubi PEX isolati prerivestiti.
interfacce

Interfacce

Nei condomini, analogamente al dimensionamento delle reti primarie, le interfacce vengono selezionate in base al fatto che la produzione dell'acqua calda sia centralizzata o meno. Dal canto suo, la distribuzione secondaria (attraverso semplici separatori o gruppi di controllo integrati) è determinata dal tipo di distributori utilizzato.

  • Se si utilizzano moduli singoli Logotherm della gamma Meibes, e quindi la produzione di acqua calda è decentralizzata, le unità di bypass termostatiche possono essere installate sulle colonne e sulle diramazioni collegate per ridurre i tempi d'attesa al punto di utilizzo. 

    Se la produzione di acqua calda sanitaria è centralizzata, è possibile installare moduli singoli del riscaldamento centrale dotati di calorimetri.
  • Per la fornitura dei radiatori, è possibile installare un sistema di collettori modulari in ottone 9532 COMAP 9532.
  • Per la fornitura dei sistemi di riscaldamento a pavimento a bassa temperatura (LTUH), è possibile installare un sistema di collettori modulari Biofloor 9000TP. Questo sistema fornisce inoltre le funzioni di controllo del flusso e di bilanciamento del circuito.
  • Per la distribuzione dell'acqua sanitaria, può essere installato un sistema di collettori modulari in ottone 9533 di COMAP con valvole integrate .
bilanciamento

Bilanciamento

Nei condomini, il bilanciamento è essenziale per garantire che tutti gli occupanti abbiano lo stesso comfort e che l'edificio sia efficiente dal punto di vista energetico.

  • Sul circuito primario dell'impianto di riscaldamento, è possibile installare le valvole Ballorex 750B adeguate per il diametro nominale del circuito.
  • Sulla colonna dell'impianto di riscaldamento, è possibile installare valvole di regolazione dalla pressione differenziale Ballorex Delta (DPCV) per garantire il valore corretto della perdita di carico all'interno dell'intera colonna.
  • Sulle reti secondarie dell'impianto di riscaldamento, le valvole differenziali sono integrate nelle unità Logotherm di Meibes.
    Se la produzione di acqua calda è centralizzata, le valvole Ballorex 750 regolano il flusso ai singoli moduli del riscaldamento centrale e nel circuito di ritorno dell'acqua.
  • Su ciascun radiatore possono essere installati un detentore di Comap o un corpo termostatico a flusso regolabile di Comap.
Reti secondarie

Reti secondarie

Nei condomini, il costo dei prodotti e l'efficienza rappresentano criteri importanti quando si sceglie la soluzione da mettere in pratica per le reti secondarie. L'aspetto è inoltre preso in considerazione, in conformità al livello degli standard del progetto.

Riscaldamento (radiatori)

  • Le reti incassate nelle solette possono essere realizzate con tubi prerivestiti BetaPex di COMAP (Ø12) e raccordi a pressare PexPress.
  • Le reti a vista possono essere realizzate con tubi preisolati MultiSkin di COMAP (Ø14) e raccordi a pressare per tubi multistrato SkinPress.

  • I collegamenti alle valvole termostatiche possono essere eseguiti con i raccordi a compressione 839 di COMAP per sistemi multistrato, o
 reccordi 835 per i sistemi di tubi in rame.

Acqua

  • Le reti incassate nelle solette possono essere realizzate con tubi prerivestiti BetaPex di COMAP (Ø12, 16 o 20, a seconda dell'uso) e raccordi a pressare PexPress.
  • Le reti a vista possono essere realizzate con tubi MultiSkin di COMAP (Ø16) e raccordi a pressare per tubi multistrato SkinPress.
  • Il sistema può essere facilmente collegato alle reti PEX con gli attacchi esclusivi di COMAP.
Regolazione e componenti per i distributori

Regolazione e componenti per i distributori

Nei condomini, il costo dei prodotti e l'efficienza rappresentano criteri importanti quando si scelgono i distributori e i componenti. L'aspetto è inoltre preso in considerazione, in conformità al livello degli standard del progetto.

Riscaldamento a pavimento a bassa temperatura

  • I sistemi completi PLANEA ed EXACT della gamma Biofloor consentono di realizzare interi impianti LTUH.
  • Il sistema Biofloor 9000TP di collettori modulari funge da interfaccia (vedere (2)) e da controllo della temperatura all'interno di ciascuna stanza, grazie alla funzione di controllo wireless.
  • Se sono installati anche radiatori, il kit 9100 di COMAP consente la gestione semplice di due reti anche a temperature differenti (quella del riscaldamento a pavimento a bassa pressione e quella dei radiatori).

Radiatori

  • Con i radiatori standard, di tipo orizzontale, la rete può essere assemblata con tubi isolati MultiSkin di COMAP e raccordi a pressare SkinPress per tubi multistrato.
  • I componenti termostatici della gamma Comap possono essere installati su ciascun radiatore: una testina termostatica, come la testina Senso, in colori personalizzabili; un corpo termostatico e un detentore della Serie E con filettatura esterna e raccordi a compressione il tubi multistrato 839.
    Sulle reti al 100% PEX, l'installazione della testina termostatica Senso richiede il kit di conversione 558 di COMAP.
  • Per gli scaldasalviette: l'installazione è analoga, con corpi termostatici dedicati 445 Serie E di COMAP e raccordi 839.
Trattamento e qualità delle acque

Trattamento e qualità delle acque

L'acqua trasporta l'energia all'interno degli impianti di riscaldamento e climatizzazione e viene inoltre utilizzata nei condomini per lavarsi, lavare i piatti, cucinare e molto altro. Si consuma anche in quanto tale. La sua qualità è perciò fondamentale, sia per le attrezzature tecniche, che per gli occupanti.

Nei condomini, l'installazione di un'unità di raccolta fanghi di COMAP completa l'allestimento iniziale con un dispositivo di ritenuta ad elevata capacità sul circuito primario. Questo garantisce che le impurità dal circuito di riscaldamento collegato non ricircolino. I rischi di blocco totale o parziale o di corrosione prematura dovuti all'areazione differenziale sono limitati.
 

A seconda della durezza dell'acqua, può essere installato un addolcitore d'acqua ad elevata capacità di COMAP er evitare malfunzionamenti dovuti ai depositi di calcio.

1Componenti dei generatori

Per collegare i generatori di energia alle reti e assicurare l'affidabilità e la sicurezza del sistema.

Scopri

Componenti dei generatori

Nei condomini, la caldaia è posizionata in uno spazio termico, a cui possono accedere solo i professionisti, a livello interrato o del tetto. Può essere composta da un singolo generatore che fornisce tutta la potenza necessaria, o da una serie di generatori che possono essere combinati a impianti a energie rinnovabili.

Impianti di riscaldamento

  • Può essere installato un gruppo composto da gruppi pompa e collettori della gamma a potenza media e alta di Meibes. La gamma è modulare ed estesa, in grado di rispondere alle necessità della maggior parte dei sistemi.
  • Se il sistema utilizza gas naturale, i collegamenti possono essere effettuati con la linea di raccordi a pressare per impianti a gas SudoPress COMAP (Ø35 or 42).

Impianti sanitari

  • Se il riscaldamento e la produzione dell'acqua calda sono centralizzati (con un dispositivo di accumulo), il il gruppo di sicurezza 899 di COMAP, realizzato in acciaio inossidabile, completa e protegge l'impianto. 

  • Anche se la produzione dell'acqua calda sanitaria avviene separatamente, utilizzando moduli Logotherm singoli della gamma di Meibes [vedere (3)], è necessario posizionare un serbatoio di carico nello spazio termico per garantire il comfort e l'igiene per gli occupanti (in particolare durante i picchi di consumo).

2Reti primarie

Per trasportare l'energia da uno o più generatori al resto del sistema.

Scopri

Reti primarie

Nei condomini, le dimensioni delle reti primarie sono direttamente collegate al metodo di produzione dell'acqua calda sanitaria. A seconda che la produzione sia centralizzata o meno, possono essere realizzate diverse soluzioni.

Impianti di riscaldamento

  • Il circuito primario (da Ø42 a 108) e le colonne montanti (da Ø32 a 76) possono essere installati con tubi e raccordi della gamma XPress, in acciaio al carbonio.
    Se si utilizza un'unità Logotherm, la potenza aggiuntiva necessaria per la rete dell'acqua potabile deve essere considerata nel dimensionamento delle colonne nella rete primaria (diametro maggiore).
  • Il collegamento con le interfacce può essere eseguito attraverso il montaggio diretto nel vano tecnico.
    Se la produzione dell'acqua calda è centralizzata, il collegamento con le interfacce (solo riscaldamento) può essere eseguito con tubi isolati prerivestiti BetaPEX (Ø 26) e raccordi a pressare PexPress.

Impianti sanitari

  • Le colonne dell'acqua fredda sanitaria possono essere realizzate con tubi MultiSkin (da Ø32 a 63) e raccordi a pressare SkinPress per tubi multistrato.
    Se la produzione dell'acqua calda è centralizzata, le colonne dell'acqua potabile fredda e calda possono essere realizzate con la stessa gamma di prodotti. I circuiti possono essere realizzati con tubi multistrato isolati o tubi PEX isolati prerivestiti.

3Interfacce

Per distribuire e separare il flusso nelle reti.

Scopri

Interfacce

Nei condomini, analogamente al dimensionamento delle reti primarie, le interfacce vengono selezionate in base al fatto che la produzione dell'acqua calda sia centralizzata o meno. Dal canto suo, la distribuzione secondaria (attraverso semplici separatori o gruppi di controllo integrati) è determinata dal tipo di distributori utilizzato.

  • Se si utilizzano moduli singoli Logotherm della gamma Meibes, e quindi la produzione di acqua calda è decentralizzata, le unità di bypass termostatiche possono essere installate sulle colonne e sulle diramazioni collegate per ridurre i tempi d'attesa al punto di utilizzo. 

    Se la produzione di acqua calda sanitaria è centralizzata, è possibile installare moduli singoli del riscaldamento centrale dotati di calorimetri.
  • Per la fornitura dei radiatori, è possibile installare un sistema di collettori modulari in ottone 9532 COMAP 9532.
  • Per la fornitura dei sistemi di riscaldamento a pavimento a bassa temperatura (LTUH), è possibile installare un sistema di collettori modulari Biofloor 9000TP. Questo sistema fornisce inoltre le funzioni di controllo del flusso e di bilanciamento del circuito.
  • Per la distribuzione dell'acqua sanitaria, può essere installato un sistema di collettori modulari in ottone 9533 di COMAP con valvole integrate .

4Bilanciamento

Per controllare il flusso e assicurare la distribuzione ottimale attraverso la rete.

Scopri

Bilanciamento

Nei condomini, il bilanciamento è essenziale per garantire che tutti gli occupanti abbiano lo stesso comfort e che l'edificio sia efficiente dal punto di vista energetico.

  • Sul circuito primario dell'impianto di riscaldamento, è possibile installare le valvole Ballorex 750B adeguate per il diametro nominale del circuito.
  • Sulla colonna dell'impianto di riscaldamento, è possibile installare valvole di regolazione dalla pressione differenziale Ballorex Delta (DPCV) per garantire il valore corretto della perdita di carico all'interno dell'intera colonna.
  • Sulle reti secondarie dell'impianto di riscaldamento, le valvole differenziali sono integrate nelle unità Logotherm di Meibes.
    Se la produzione di acqua calda è centralizzata, le valvole Ballorex 750 regolano il flusso ai singoli moduli del riscaldamento centrale e nel circuito di ritorno dell'acqua.
  • Su ciascun radiatore possono essere installati un detentore di Comap o un corpo termostatico a flusso regolabile di Comap.

5Reti secondarie

Per alimentare tutti i distributori per riscaldamento e acqua potabile

Scopri

Reti secondarie

Nei condomini, il costo dei prodotti e l'efficienza rappresentano criteri importanti quando si sceglie la soluzione da mettere in pratica per le reti secondarie. L'aspetto è inoltre preso in considerazione, in conformità al livello degli standard del progetto.

Riscaldamento (radiatori)

  • Le reti incassate nelle solette possono essere realizzate con tubi prerivestiti BetaPex di COMAP (Ø12) e raccordi a pressare PexPress.
  • Le reti a vista possono essere realizzate con tubi preisolati MultiSkin di COMAP (Ø14) e raccordi a pressare per tubi multistrato SkinPress.

  • I collegamenti alle valvole termostatiche possono essere eseguiti con i raccordi a compressione 839 di COMAP per sistemi multistrato, o
 reccordi 835 per i sistemi di tubi in rame.

Acqua

  • Le reti incassate nelle solette possono essere realizzate con tubi prerivestiti BetaPex di COMAP (Ø12, 16 o 20, a seconda dell'uso) e raccordi a pressare PexPress.
  • Le reti a vista possono essere realizzate con tubi MultiSkin di COMAP (Ø16) e raccordi a pressare per tubi multistrato SkinPress.
  • Il sistema può essere facilmente collegato alle reti PEX con gli attacchi esclusivi di COMAP.

6Regolazione e componenti per i distributori

Per regolare il flusso nel sistema e fornire il livello di comfort desiderato in ogni stanza.

Scopri

Regolazione e componenti per i distributori

Nei condomini, il costo dei prodotti e l'efficienza rappresentano criteri importanti quando si scelgono i distributori e i componenti. L'aspetto è inoltre preso in considerazione, in conformità al livello degli standard del progetto.

Riscaldamento a pavimento a bassa temperatura

  • I sistemi completi PLANEA ed EXACT della gamma Biofloor consentono di realizzare interi impianti LTUH.
  • Il sistema Biofloor 9000TP di collettori modulari funge da interfaccia (vedere (2)) e da controllo della temperatura all'interno di ciascuna stanza, grazie alla funzione di controllo wireless.
  • Se sono installati anche radiatori, il kit 9100 di COMAP consente la gestione semplice di due reti anche a temperature differenti (quella del riscaldamento a pavimento a bassa pressione e quella dei radiatori).

Radiatori

  • Con i radiatori standard, di tipo orizzontale, la rete può essere assemblata con tubi isolati MultiSkin di COMAP e raccordi a pressare SkinPress per tubi multistrato.
  • I componenti termostatici della gamma Comap possono essere installati su ciascun radiatore: una testina termostatica, come la testina Senso, in colori personalizzabili; un corpo termostatico e un detentore della Serie E con filettatura esterna e raccordi a compressione il tubi multistrato 839.
    Sulle reti al 100% PEX, l'installazione della testina termostatica Senso richiede il kit di conversione 558 di COMAP.
  • Per gli scaldasalviette: l'installazione è analoga, con corpi termostatici dedicati 445 Serie E di COMAP e raccordi 839.

7Trattamento e qualità delle acque

Proteggere il sistema a lungo termine e fornire una qualità ottimale delle acque

Scopri

Trattamento e qualità delle acque

L'acqua trasporta l'energia all'interno degli impianti di riscaldamento e climatizzazione e viene inoltre utilizzata nei condomini per lavarsi, lavare i piatti, cucinare e molto altro. Si consuma anche in quanto tale. La sua qualità è perciò fondamentale, sia per le attrezzature tecniche, che per gli occupanti.

Nei condomini, l'installazione di un'unità di raccolta fanghi di COMAP completa l'allestimento iniziale con un dispositivo di ritenuta ad elevata capacità sul circuito primario. Questo garantisce che le impurità dal circuito di riscaldamento collegato non ricircolino. I rischi di blocco totale o parziale o di corrosione prematura dovuti all'areazione differenziale sono limitati.
 

A seconda della durezza dell'acqua, può essere installato un addolcitore d'acqua ad elevata capacità di COMAP er evitare malfunzionamenti dovuti ai depositi di calcio.